Franco Masino

Ecco una piccola cronistoria della mia vita da sarto. Sono nato nel 1946 in un piccolo paese della Basilicata (Villa d’Agri).

All’età di dodici anni iniziai a frequentare assiduamente la sartoria del maestro Di Tonno Michele, un sarto proveniente dalla classica scuola napoletana con esperienze internazionali dovute alla sua permanenza in Argentina e Venezuela.

franco-masino-sartoria

Grazie alle sue conoscenze riuscì a trasmettermi i primi rudimenti dell’arte sartoriale e all’età di sedici anni cercai di mettere in atto ciò che avevo imparato; disegnai e confezionai il mio primo abito con grande meraviglia del mio maestro, che osservando con cura il mio lavoro, mi gratifico con molti complimenti.

A quel punto la mia voglia di iniziare da solo mi portò alla decisione di mettermi in proprio. All’età di diciotto anni decisi di trasferirmi in una grande città come Roma dove si presentò l’opportunità e l’onore di lavorare con dei grandi sarti come Caraceni e Zenobi i quali mi consentirono di ampliare e approfondire le mie conoscenze .

Solo nel 1973, dopo anni di lunga gavetta, decisi di avviare un’attività in proprio potendo contare solo sulle mie forze, cominciai , quindi, a confezionare i primi abiti per i miei pochi clienti. Il tempo passava, e grazie al passaparola, unica forma di pubblicità che potevo permettermi, aumentavano i miei clienti e nel 1980 decisi di ampliare il mio laboratorio cercando un locale più grande, trasferendomi allora nel mio attuale indirizzo.

Nel corso di questi anni dedicati al mio lavoro con molti sacrifici ho avuto il piacere e l’onore di vestire personaggi importanti come gente dello spettacolo e del cinema, diplomatici, capitani d’industria e politici di varie nazionalità. Spero vivamente di non avervi annoiato raccontandovi le tappe più importanti della mia carriera di sarto, sperando di avere l’onore e il piacere di fare presto la vostra conoscenza nella mia sartoria.

Francesco Masino

Abbigliamento per uomo su misura.

La sartorialità non è un concetto puramente estetico ma una tradizione da tramandare .
Artigianalità, tradizione, ma anche modernità, grazie ad una ricerca continua delle linee, dei colori e dei tessuti più nuovi, tenendo conto che il sarto è l’autore di un progetto in cui al centro si colloca il cliente.